Europee, candidati e preferenze: Mantovani torna in Europa, Tovaglieri batte Ciocca, Meloni e Vannacci boom

A Milano e provincia Pd primo partito. Non ce la fa Patrizia Toia

Europee, Lega Magenta: “Ancora una volta, ringraziamo i Magentini per l’importante sostegno”

"Desideriamo ringraziare anche questa volta i cittadini di Magenta per averci aiutato a confermare l'amica Isabella Tovaglieri all' Europarlamento", esordisce soddisfatto il Segretario locale...

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Le elezioni del riscatto e della rivalsa. Da Arconate Mario Mantovani ha superato quota 38 mila preferenze e potrebbe arrivare a 39mila, ma ormai il secondo posto dietro Carlo Fidanza e quindi l’elezione a Bruxelles è certa. 50mila voti per il capodelegazione uscente, 622mila per Giorgia Meloni. Mantovani torna in Europa a 25 anni dal suo primo approdo, e dopo 7 anni di durissima vicenda giudiziaria che l’ha visto uscire trionfante e assolto.

Ma non finisce qui; dalle 14 di oggi spoglio per le elezioni comunali, dove Mantovani è candidato sindaco nella sua Arconate, dopo i tre mandati svolti nel passato. C’è molta attesa per vedere quale sarà l’esito: ieri sono state quasi mille le preferenze degli arconatesi per la sua persona.

Con grande probabilità tra i promossi ci sarà anche Isabella Tovaglieri, che al momento è posto sotto le 40mila preferenze, ma è alle prese con un partito meno “dilagante” rispetto a FdI. Ma il dato clamoroso, al di là dei 186mila voti di Vannacci, è sicuramente il quarto posto del favorito Angelo Ciocca: battuto da Vannacci, dalla Tovaglieri ma anche da Silvia Sardone, exploit da 74mila voti.

Se a livello nazionale la Lega di Salvini supera di poco il 9%, nella circoscrizione Nord-ovest raggiunge quota 11,9% contro il 30,9% dei meloniani (il dato Nazionale è del 28,8), il 23% del PD (24,2 a livello nazionale) e il 9.4% di Forza Italia (sostanzialmente in linea con il dato complessivo di circa il 9,7).

Significativo anche il dato provinciale di Milano: Pd 27,1, Fdi 26.8, Fi 9.14, Verdi Sinistra 8.7, Lega 8.5. Scompare dai radar il Movimento 5 Stelle.

Per quanto riguarda i risultati dei candidati sul loro territorio di riferimento nella vicina Varese, Isabella Tovaglieri sfiora le 11 mila preferenze, Marco Reguzzoni si ferma poco sopra le 4 mila, su un totale di 7.144), Marco Colombo è a quota 3573 (6.129 in tutto) e Gianfranco Librandi ne incassa 1.150 (incassandone 4334 in tutto il collegio).

Sul territorio l’Alleanza Sinistra Verdi fa leggermente meglio dei Cinque Stelle, con 6,26% contro 6,16% e Azione supera di uno zero virgola gli Stati Uniti d’Europa.

Nel Partito Democratico boom di voti per i primi della classe, mentre dopo 20 anni esce dal Parlamento Europeo Patrizia Toia da Vanzago: ecco la graduatoria dei candidati Dem.

STRADA CECILIA MARIA 282.732
GORI GIORGIO 210.408
ZAN ALESSANDRO 85.206
TINAGLI IRENE 78.345
BENIFEI BRANDO MARIA DETTO BRANDO DETTO BONIFEI 64.336
MARAN PIERFRANCESCO 45.163
PIZZUL FABIO 42.465
FIANO EMANUELE 30.449
TOIA PATRIZIA FERMA FRANCESCA 29.708

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Altre Storie

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Altre Storie

Pubblicità

contenuti dei partner