A Trecate va in scena la truffa del finto carabiniere: ma la Polizia locale lo arresta

Si è mosso in moto per fingere meglio la messinscena, ma questa volta il truffatore, A.B., 30 anni, residente ad Arborio (Vercelli), che, evidentemente, aveva studiato la “parte” molto bene, è stato inchiodato dagli uomini della Polizia locale.

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Si è mosso in moto per fingere meglio la messinscena, ma questa volta il truffatore, A.B., 30 anni, residente ad Arborio (Vercelli), che, evidentemente, aveva studiato la “parte” molto bene, è stato inchiodato dagli uomini della Polizia locale, giunti sul posto prima che lui riuscisse a mettere a segno il colpo.

Un tentativo di una delle truffe maggiormente diffuse e note si è verificato, questa volta, a Trecate nella tarda mattinata dello scorso 5 aprile.

Una pattuglia della Polizia locale è stata allertata del fatto che in via Po un uomo stesse insistentemente suonando ai vari campanelli delle abitazioni, qualificandosi come tecnico preposto alla verifica dei contatori di luce e gas.

Dopo essere giunti in zona, gli agenti hanno subito intercettato l’uomo che, alla loro vista, è stato bloccato e tratto in arresto pur avendo tentato la fuga a bordo di un motociclo. E’ risultato che poco prima il truffatore avesse finto di essere un carabiniere, mostrando un tesserino di identificazione a una anziana signora per poter accedere all’interno della sua abitazione con la scusa di verificare se la donna avesse subito un furto e raccontandole che la sua coinquilina si trovava presso la Stazione dell’Arma per sporgere denuncia.

L’arrestato è stato quindi fermato e condotto presso la caserma di viale Cicogna: da qui è stato quindi tradotto nel carcere di Novara a disposizione dell’autorità giudiziaria.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner