Novara: già condannato per maltrattamenti, perseguitava la sua ex. Finisce dietro le sbarre

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Già condannato per maltrattamenti in famiglia e con divieto di avvicinamento all’ex moglie, ha continuato a cercare di contattarla, minacciandola. Si tratta di un uomo che ora la polizia di Novara ha arrestato, dando esecuzione all’ordinanza del gip che ha deciso per lui la custodia cautelare in carcere come aggravamento della misura cautelare.

NOVARA – Le minacce, secondo quanto viene riferito dalle forze dell’ordine, erano arrivate alla donna tramite familiari e colleghi di lavoro che l’uomo aveva sentito cercando di contattarla negli ultimi giorni. Tentativo attuato anche telefonicamente con la donna stessa e attraverso i social. La squadra mobile della polizia ha accertato che una serie di volte era stato visto vicino a luoghi frequentati dalla ex consorte e sarebbe andato in più occasioni alla casa dove risiedono anche i loro figli minorenni. In un caso avrebbe anche minacciato uno dei familiari presenti, rincorrendolo in strada.

I familiari di lei infatti avevano deciso di presidiare a turno la casa, per non lasciarla mai sola. La donna aveva sporto querela, “fortemente scossa, dato che l’ex marito – viene spiegato – avrebbe iniziato a cercarla assiduamente anche sul luogo di lavoro, provocandole notevoli difficoltà e profondo disagio al punto da essere trasferita per motivi di sicurezza in altra sede”. L’uomo è dunque accusato di averle causato “un perdurante stato d’ansia ed una persistente sensazione di insicurezza, a causa delle condotte intimidatorie e con il comportamento minaccioso posto in essere”.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner