Milano: esce dal carcere l’omicida del bambino 11enne

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

MILANO – Esce dal carcere dopo quasi un anno e va agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico in una struttura terapeutica per il contrasto alle tossicodipendenze Nour Amdouni, il 21enne arrestato il 18 agosto dello scorso anno per omicidio stradale con l’aggravante della fuga per aver travolto e ucciso un bambino di 11 anni, Mohanad ‘Momo’ Moubarak, che era in sella alla sua bici in via Bartolini, a Milano, poco lontano dal ristorante del padre, il 9 agosto.

Il giovane due giorni fa è stato condannato con rito abbreviato a 8 anni di reclusione, dopo che a metà marzo un altro giudice aveva respinto un’istanza di patteggiamento a 5 anni, ritenendo la pena incongrua, perché troppo bassa. Oggi lo stesso gup che ha emesso la sentenza, Massimo Baraldo, ha accolto l’istanza dei legali del 21enne, gli avvocati Niccolò Vecchioni e Robert Ranieli, di sostituzione della misura cautelare. Richiesta che ha avuto anche il parere favorevole del pm Rosario Ferracane. Il gup, infatti, nel suo provvedimento prende in considerazione “lo stato di tossicodipendenza” del condannato e chiarisce, però, che sarà necessario il controllo con il braccialetto elettronico data la “inaffidabilità” del giovane. Come ricostruito nell’indagine della Polizia locale e del pm Ferracane, quella sera il ventenne aveva assunto cannabinoidi, guidava, anche se non aveva conseguito la patente, con una gamba ingessata. Si era poi costituito dopo quattro ore dalla tragedia e nei giorni successivi era arrivata per lui un’ordinanza di custodia cautelare.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner