Agenzia Italpress

Medio Oriente, progressi verso la tregua a Gaza

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Pubblicità

Salva

ESTERI: Ultim’ora ticinonotizie.it

ROMA (ITALPRESS) – I mediatori e gli inviati di Hamas hanno fatto “progressi significativi” verso una tregua a Gaza. Lo riferisce la televisione statale egiziana mentre i colloqui al Cairo entrano nel secondo giorno. Egitto, Qatar e Stati Uniti hanno spinto per un cessate il fuoco nella guerra durata quasi cinque mesi tra Israele e Hamas. Israele non ha inviato una squadra negoziale al Cairo dopo aver ricevuto una risposta insoddisfacente da Hamas sull’ultimo quadro elaborato a Parigi lo scorso fine settimana. L’organizzazione palestinese ha rifiutato di rispondere alla richiesta di Gerusalemme di fornire un elenco di ostaggi viventi e di fissare il numero di prigionieri palestinesi che Israele deve rilasciare per ogni ostaggio liberato, ha detto un funzionario israeliano.
Un anonimo funzionario di Hamas ha dichiarato al “Wall Street Journal” che, sebbene vi siano lenti progressi verso un accordo per un cessate il fuoco temporaneo e un accordo sugli ostaggi, sembra improbabile che venga raggiunto prima dell’inizio previsto del Ramadan, il 10 marzo, e invece potrebbe giungere a buon fine entro la fine del mese, cioè il primo fine settimana del mese sacro musulmano. Funzionari egiziani e del Qatar affermano che non ci sono stati contatti con il leader di Gaza di Hamas, Yahya Sinwar, da almeno una settimana. Ieri Israele non ha inviato una squadra negoziale al Cairo dopo aver ricevuto una risposta insoddisfacente da Hamas sull’ultimo accordo sugli ostaggi concordato a Parigi lo scorso fine settimana.
L’organizzazione palestinese con sede a Gaza ha rifiutato di rispondere alla richiesta di Gerusalemme di fornire un elenco di ostaggi ancora in vita e di fissare il numero di prigionieri palestinesi che Israele deve rilasciare per ogni ostaggio liberato, ha detto un funzionario israeliano. Funzionari anonimi citati da “Channel 12”, “Ynet” e altri media israeliani hanno detto che Gerusalemme sospetta che Sinwar non abbia intenzione di raggiungere un accordo nei prossimi giorni e spera di intensificare la violenza durante il Ramadan. In un simile scenario, Israele teme un’escalation non solo lungo i confini con Gaza e Libano, ma anche in Cisgiordania, dove la tensione è alta, così come a Gerusalemme, dove gli scontri per il Monte del Tempio e l’accesso ai luoghi sacri sito sono ampiamente attesi.

– Foto Ipa Agency –

(ITALPRESS).

■ Ultim'ora

contenuti dei partner

Ultim'ora nazionali

Pubblicità