Dato shock: il 70% delle lavoratrici subisce molestie, le donne manager ancora di più.

Il 70% delle donne ha subito molestie verbali sul luogo di lavoro, quindi allusioni e complimenti che le hanno messe a disagio, il 40% ha avuto contatti fisici indesiderati. Il sondaggio dello Sportello LEI della Fondazione Libellula

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Il 70% delle donne ha subito molestie verbali sul luogo di lavoro, quindi allusioni e complimenti che le hanno messe a disagio, il 40% ha avuto contatti fisici indesiderati, il 43% avances e il 27% richieste e complimenti di natura sessuale non richiesti.

A fotografare questa situazione “inaccettabile” è il sondaggio L.e.i. (Lavoro, equità, inclusione) dal titolo ‘Ti tocca’ che la fondazione Libellula ha effettuato dal dicembre 2023 al gennaio di quest’anno su 11.201 donne. “Questi dati evidenziano una situazione preoccupante e inaccettabile all’interno delle aziende italiane, sottolineando la necessità di una seria riflessione” ha sintetizzato la presidente della fondazione Debora Moretti, oggi alla presentazione dei risultati.

La situazione è ancora peggiore nel caso di lavoratrici con posizioni apicali: il 77% delle manager e il 75% delle dirigenti ha sentito apprezzamenti o commenti sul proprio corpo che le ha messe a disagio, il 76% delle manager e il 79% delle dirigenti ha sentito battute sessiste su altre donne, Il 54% delle imprenditrici, l’11% sopra la media, ha avuto contatti fisici indesiderati e il 47% delle dirigenti. Ancora più alti i numeri nel caso delle avances esplicite: le hanno ricevute il 64% delle imprenditrici e il 54% delle dirigenti. Due le motivazioni, secondo Libellula: da un lato la maggiore consapevolezza delle donne in posizioni apicali e dall’altra questi dati evidenziano una situazione preoccupante e inaccettabile all’interno delle aziende italiane, sottolineando la necessità di una seria riflessione.

Altro dato preoccupante è che l’88% delle dirigenti vede crescere professionalmente più velocemente i colleghi maschi. “Questi dati – ha aggiunto Moretti – evidenziano una situazione preoccupante e inaccettabile all’interno delle aziende italiane, sottolineando la necessità di una seria riflessione”.

“Se è vero che mobilitazioni di questi mesi ci raccontano che qualcosa sta cambiando e che una nuova sensibilità si sta facendo lentamente strada – ha aggiunto l’assessore milanese al Welfare Lamberto Bertolè -, è altrettanto vero che siamo ancora lontani da una piena assunzione di responsabilità da parte degli uomini. Le molestie, gli abusi, la violenza di genere sono prima di tutto una questione maschile e da questa premessa non si può prescindere”.

.”Fondamentale – ha riconosciuto Elena Lattuada, delegata del sindaco di Milano alle Pari Opportunità – il lavoro che Fondazione Libellula ha fatto nella ricognizione di quanto accade nei luoghi di lavoro, come è importante il lavoro di sostegno e ascolto delle donne che nella città di Milano viene fatto dall’Associazione e dalle tante che hanno a cuore la dignità femminile, sempre”.

Libellula ha anche stilato una lista di consigli per prevenire e contrastare la violenza di genere sui luoghi di lavoro: ovvero chiedere che vengano attuati progetti di sensibilizzazione e formazione per tutto il personale su come riconoscere gli stereotipi e le discriminazioni; informarsi se esiste una policy aziendale e se c’è uno sportello o una consigliera di fiducia; supportare i neogenitori (donne e uomini) al rientro dopo il congedo parentale, ma anche rivolgersi allo sportello L.e.i della fondazione.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner