Cuggiono, Grande Nord AltoMilanese interroga sulla Cappelletta votiva Madonna Pellegrina

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO: Alla cortese Att.ne Sig. Sindaco Cucchetti Giovanni. In base all’art. 42 dello Statuto comunale si inoltra la seguente richiesta

Oggetto: cappelletta Madonna Pellegrina

Premesso che:
Il nostro territorio è ricco di cappellette votive, monumenti che esprimono spiritualità popolare autentica e sincera; esse sono tuttora luogo di sosta, di raccoglimento, di preghiera.

Preso atto che:
La cappelletta della Madonna Pellegrina, all’ingresso di Cuggiono presso via Garibaldi, non ha smarrito il suo valore, infatti oltre la presenza delle persone lo testimoniano i lumini accesi come atto di devozione, aiuto e protezione.

Ricordato che:
La cappelletta assieme ad altri beni sono pervenuti per donazione testamentaria al comune di Cuggiono il 3.3.2017 nella quale la Signora Lucia Lattuada ha specificato che “…alla mia morte dispongo che il complesso in Cuggiono (MI) via Garibaldi n. 81-83 (ex tessitura con la casa) il terreno tutto e la Cappelletta siano lasciati al Comune di Cuggiono perché ne sia fatto uso di pubblica utilità…”

Valutato che:
L’area è pavimentata e delimitata da una serie di panchine, il manufatto votivo consta di un portico coperto principalmente intonacato e tinteggiato.
Detta cappelletta ora probabilmente necessita di manutenzione straordinaria, difatti le persone che si occupano della sua cura, con generosità e costanza, non possono fermare il trascorrere inesorabile del tempo.

Preso atto che:
Da diverse settimane notiamo un nastro segnaletico bianco/rosso, che circonda i 4 pilastri della cappelletta e un cavalletto, lasciando però pienamente libero lo spazio frontale e le sedute laterali.

Tutto ciò premesso, si chiede al Sindaco:

– Come mai è stato predisposto di delimitare il perimetro interno della cappelletta con il nastro? È solamente a scopo precauzionale o per una situazione di pericolo? È sufficiente o occorre estendere il divieto di accesso anche nella parte frontale e nelle sedute laterali?
– Sono pervenute segnalazioni o a seguito di sopralluoghi per eventuale pericolosità della struttura? Se sì quando? Eventualmente, sono state fatte analisi visive dettagliate? Valutazioni statiche?
– La Sua Amministrazione è intenzionata ad eseguire i lavori necessari, rispettando i voleri del donante, per riportare la cappelletta nella sua originalità e per fare si che torni pienamente a disposizione delle persone? Se sì, con quale tempistica.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner