Abbiategrasso: la professoressa Condò ha abbracciato in Tribunale lo studente che l’ha accoltellata

E' accaduto lo scorso 16 gennaio. Ieri sera il servizio sul TG2

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

La notizia ha fatto il giro del web, è apparsa sui quotidiani e persino sull’edizione del TG2 serale di giovedì 8 febbraio. E’ successo a Milano, dove c’è stato un abbraccio in udienza tra il ragazzo di 16 anni che, lo scorso 29 maggio, ha accoltellato in aula, durante la lezione, la sua insegnantenell’istituto Emilio Alessandrini ad Abbiategrasso e la stessa docente, che dopo l’aggressione era stata sottoposta a una lunga e delicata operazione di chirurgia plastica. L’incontro tra il giovane imputato e la professoressa Elisabetta Condò, 51 anni, parte civile, è avvenuto per l’esattezza il 16 gennaio davanti al Tribunale per i minorenni di Milano. “Abbraccio chi mi ha ferito perché credo nel suo futuro, non ho rancore”, ha dichiarato coraggiosamente la professoressa.

Quell’abbraccio al suo studente che l’aveva accoltellata in classe«è stato un gesto di incoraggiamento per il prosieguo della sua vita, ho voluto rassicurarlo, facendogli sentire che non nutro rancore per l’accaduto, pur non dimenticandone la gravità», ha sceitto La Repubblica. «Smaltita la tensione accumulata, incrociando il suo sguardo mi sono sentita di esprimere un gesto di incoraggiamento per il prosieguo della sua vita protendendomi verso di lui con una stretta sulle spalle», ha invece riportato La Stampa.

Elisabetta Condò, 51 anni, insegna italiano e storia all’Alessandrini da un paio di anni dopo aver insegnato per anni lettere alle scuole medie sempre ad Abbiategrasso. In ospedale con lei il marito e i figli. «Uno ha esattamente l’età dello studente che l’ha aggredita, l’altra è più giovane di due anni. Mia moglie non ha ancora la forza di parlare di quanto accaduto. È sotto anestesia. Ha subito un intervento al polso per la ricostruzione dei tendini. I medici mi hanno parlato di sei coltellate: alla clavicola, al polso, alla testa», ha raccontato l’uomo a Skytg24.

Bisognerà insomma attendere ora l’esito della vicenda processuale, confidando nella piena ripresa sia della docente che del ragazzo, qualunque sia la pena che gli verrà comminata in sede giudiziaria.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner