TN dal mondo arriva in Moldavia: Pasqua Ortodossa e la tradizione, una settimana dopo, di festeggiare nei cimiteri ricordando gli aneddoti divertenti dei propri cari

Curiosità di altri paesi. Siamo nel parco nazionale di Orhaeiul Vechi. Il reportage del nostro inviato Graziano Masperi nel Paese ai confini della guerra.

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Il Parco nazionale di Orhaeiul Vechi, dista pochi chilometri da Chisinau ed è l’unico parco nazionale della Moldova. Lo abbiamo raggiunto grazie alla guida turistica Alfredo Ferrari che ci ha raccontato aneddoti particolari e anche piuttosto curiosi. Il primo villaggio che si incontra è formato da strutture abitative tipiche dell’inizio del secolo scorso. C’è una fonte che prende l’acqua da una sorgente e ha una triplice funzione: carico d’acqua, lavatore e abbeveratore degli animali da pascolo. C’è poi il simbolo della Croce, immancabile per delle comunità profondamente religiose. Il credo è quello Cristiano Ortodosso e la comunità a breve, il 5 e 6 maggio, festeggerà.

GUARDA IL VIDEO

In questi giorni ci si sta preparando per la festa più importante nella cristianità. Nella chiesa ortodossa sono in corso tutti gli abbellimenti in vista di quei giorni. Le bellissime icone all’interno di quella chiesa raffigurano San Costantino e la madre Elena e Stefan Cel Mare, principe di Moldova. Ma la cosa che più incuriosisce chi visita questi caratteristici villaggi è la tradizione che vuole i festeggiamenti successivi al 5 e 6 maggio, quando ci sarà la Pasqua dei defunti. Di cosa si tratta? Accanto alla chiesa Ortodossa del villaggio c’è un cimitero che verrà addobbato a festa per quell’occasione.

Le famiglie dei defunti sistemeranno tavolini attorno alle pietre funerarie e prepareranno cibi che verranno consumati tutti insieme in quella giornata. Una giornata che sarà felice perché si racconteranno aneddoti divertenti della vita delle persone care che non sono più con noi. Non si parlerà della causa della morte o delle cose tristi che hanno fatto versare lacrime, ma solo di cose belle. Quel giorno il piccolo cimitero ortodosso vivrà una giornata di festa e tutti canteranno attorno alle tombe dei loro cari.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner