Tentata rapina in banca a Melzo: in manette la ‘banda del buco’

Sei arresti, sono tutti italiani

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Sei rapinatori italiani, di eta’ compresa tra i 32 e i 61 anni, ieri sono stati arrestati in flagranza per la tentata rapina con la tecnica del buco di una banca a Melzo, nel Milanese. I poliziotti della sezione anti rapine della Squadra mobile avevano appreso che una batteria di rapinatori in trasferta da Palermo era in arrivo in questi giorni per realizzare una rapina in banca. Le indagini avevano portato a ritenere che uno degli obiettivi fosse proprio la filiale di Melzo della Banca del Credito Cooperativo di Milano.

Il servizio di appostamento eseguito sin dalle prime ore del mattino dai poliziotti della Squadra Mobile ha consentito non solo di arrestare in flagranza gli autori della tentata rapina ma, anche, di ricostruire in modo puntuale il colpo mancato. Quattro degli indagati hanno fatto accesso tramite il piano interrato dell’edificio della banca, dove sono presenti i parcheggi per i dipendenti, hanno forzato una delle porte antipanico e, da li’, sono risaliti fino al piano terra dove si trova l’ingresso principale della banca. Nelle immediate vicinanze vi e’ una intercapedine delimitata da una porta: da qui hanno proceduto, utilizzando con perizia diversi strumenti di ferramenta, a effettuare una foratura del muro che li conducesse all’interno dell’istituto bancario.

Il loro piano era di attendere che qualcuno dei dipendenti arrivasse per poi sfondare definitivamente il muro separatorio e accedere all’interno degli uffici senza rischiare di far scattare l’allarme. Come testimoniato dalle fascette in plastica trovate in loro possesso, avrebbero poi proceduto a immobilizzare i dipendenti per attendere, in tutta calma, l’apertura delle casse temporizzate. Il piano, semplice e collaudato, e’ stato disturbato, tuttavia, dall’arrivo di una donna addetta alle pulizie dell’edificio che si e’ recata verso l’intercapedine ove e’ presente il pulsante di sblocco delle porte esterne e, una volta aperta la porta, si e’ trovata davanti a quattro uomini con il volto coperto.

Stupiti da questo imprevisto, compreso che non potevano immobilizzare la donna nell’androne, i rapinatori sono immediatamente fuggiti minacciando la donna di non chiamare nessuno. Ad attenderli fuori, pero’, c’erano i poliziotti della Squadra Mobile che hanno bloccato anche il loro autista che li stava attendendo a bordo di una autovettura rubata e con targa clonata.
Poco piu’ in la’, ai confini del comune di Melzo, vi era ad attenderli il basista che, per quanto ricostruito dalla Polizia di Stato, avrebbe dovuto fare da staffetta all’auto dei rapinatori. Anch’egli e’ stato fermato dagli agenti della Squadra Mobile poco dopo l’arresto dei suoi complici.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner