― pubblicità ―

Dall'archivio:

Tanti auguri di buon compleanno ad Andreas Brehme: un filo diretto con Magenta e il suo Inter Club

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

 
MAGENTA-  Quando pensi ai numeri  “3” che hanno indossato la maglia nerazzurra e calcato la fascia sinistra, oltre al mitico, ineguagliabile Giacinto Facchetti, non puoi non pensare ad Andy Brehme.
Il terzino sinistro polivalente dell’Inter dei record del Trap (stagione 88/89 58 punti e avversari lasciati a distanza siderale) è nato ad Amburgo proprio il 9 Novembre di 62 primavere fa.

Ed è davvero particolare la coincidenza che ha visto proprio ieri sera la ‘sua’ Inter trionfare sul Bologna 6 a 1 con la doppietta di un altro terzino sinistro Federico Di Marco che cosa, ancora più curiosa, ha soffiato le sue prime 25 candeline oggi!

Ovviamente, non vogliamo nè certamente possiamo, al momento, paragonare la carriera e la caratura del terzino teutonico con quello di casa nostra.

Però, l’occasione per l’Inter Club Magenta non è solo quella di inviare idealmente gli auguri di buon compleanno ai campioni di ieri e del presente.
Ma soprattutto per svelare il filo diretto che lega Brehme alla ‘Città della Battaglia’ ma più ancora al suo sodalizio nerazzurro.
Il figlio del presidente Luciano Cucco, infatti, porta lo stesso nome. Lo avrebbe potuto chiamare semplicemente Andrea. E invece no…. Andreas venuto al mondo negli anni dell’Inter del Trap.

A spiegarlo è lo stesso Luciano:  “Il nome Andreas è proprio dovuto al mio affetto per Brehme”. E va da sè che la santa consorte di Luciano, in segno di amore, ha acconsentito alla ‘proposta’ del marito.

I due ‘Andy’ come peraltro mostriamo nella foto in evidenza avevano avuto modo d’incrociarsi già parecchi anni or sono.

Il ‘Nostro’ magentino era ancora un bimbo, mentre Brehme, appese le scarpe al chiodo, muoveva i suoi primi passi da allenatore come secondo di Giovanni Trapattoni, a Stoccarda. 

Un legame che continua ancora a distanza di tempo, ma che soprattutto ha portato l’Andy magentino ad intraprendere una carriera che c’entra e vorrebbe c’entrare sempre di più con il mondo del calcio. Fresco di laurea in Scienze Motorie all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Andreas Cucco, punta ad entrare al corso di Coverciano per diventare Preparatore Atletico. 

Il sogno, va da sè, è quello di poter curare ed allenare i muscoli di campioni del valore del mitico Andy Brehme. Noi glielo auguriamo.

Per adesso alziamo i calici ricordando quella bionda zazzera che andava su e giù per la fascia sinistra del ‘Meazza’  dotato di un intelligenza tecnica e tattica fuori dal comune.

FV

 

 

 

 

 

 

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi