Sedriano, Celeste sugli investimenti: “Cifre iscritte a bilancio, ma non c’è certezza sul risultato”

Il prossimo 23 aprile consiglio comunale.

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Batte duro sugli investimenti Alfredo Celeste di Noi con Sedriano e Roveda. Martedì sera si è riunita la commissione bilancio e il prossimo 23 aprile si terrà il consiglio comunale con, all’ordine del giorno, l’approvazione del bilancio consuntivo.

“La maggior parte degli investimenti – afferma Celeste – sono possibili grazie a contributi del Pnrr. Cifre che arrivano dal bilancio precedente e si rinnovano in quello attuale. Questo vuol dire che l’obiettivo non è stato raggiunto. Pur essendo cifre iscritte a bilancio non si ha la certezza che il risultato finale verrà ottenuto. E io sono convinto che non verrà ottenuto, certamente per quanto riguarda le scuole”. Le cifre parlano di due milioni 830mila euro per le nuove infrastrutture sportive nelle scuole, 650mila euro per il nuovo edificio scolastico dell’infanzia, 5milioni di euro per la riqualificazione del palazzetto dello sport, altro ancora per le manutenzioni stradali.

“Tra gli investimenti, gli unici che possono dirsi realizzati, sono questi 570mila euro che andranno ad incidere sulla manutenzione del territorio – continua Celeste – Non è una gran cifra, ma sono gli unici sicuri. E poi vediamo che vengono tolti 200mila euro quale contributo regionale per la copertura del palazzetto che, quindi, non ci saranno più”. Il problema, secondo il consigliere di opposizione, sono i grandi investimenti. “E’ bello sentir parlare di grandi opere come le scuole, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare – conclude – A fronte di grandi cifre l’unica certezza sono, quindi, questi 570mila euro per la manutenzione del territorio, di cui circa 60mila per l’impianto di videosorveglianza delle piste ciclabili e 50mila per la pista automezzi della polizia locale. E’ criticabile questo lavoro? Sappiamo bene che oggi come oggi non c’è nulla di facile, ma secondo noi qualcosa in più si può fare”.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner