Robecco, Fiera di San Majolo, presentata la 112° edizione: “Valorizzare le eccellenze del territorio”

Parteciperanno le aziende agricole, ci sarà anche il richiamo al Parco del Ticino per il 50esimo di fondazione.

31 maggio-2 giugno: torna Abbiatearte

Dopo il successo delle scorse edizioni, torna anche quest’anno Abbiatearte, la mostra abbiatense dedicata a giovani artisti del territorio. Pensata e realizzata dalla Consulta...

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Un’occasione per parlare della bellezza del territorio. E’ la 112° fiera di San Majolo a Robecco sul Naviglio presentata lunedì sera nella sala consiliare. Quest’anno ci sarà anche il richiamo al parco del Ticino per il 50esimo di fondazione. Si comincia domenica 28 aprile alle 21 con la presentazione del libro di Alessandro Grittini presso la biblioteca comunale ‘Costellazione Kurt’. “Ci sembrava importante partire in questo modo – ha commentato il Sindaco Fortunata Barni – perché la fiera è occasione per promuovere le nostre eccellenze. Questo libro di narrativa per ragazzi è arrivato secondo al premio Bancarellino 2023. Un libro di spessore che ha trovato il consenso dei ragazzi”. Martedì 30 aprile si terrà l’inaugurazione della fiera dalle 16.15 in avanti con la navigazione, seguirà la processione, l’inaugurazione della fiera e un evento del tutto nuovo.

“Sarà la musica in Villa – su prenotazione sarà possibile entrare nelle nostre ville e ascoltare musica classica. Da Villa Gromo, a Villa Gandini e, da ultimo, in Villa Terzaghi, dove si potrà degustare il riso del territorio di Lucrezia Bianchi”. Un’iniziativa in collaborazione con la Pro loco che continuerà il primo maggio portando i turisti a visitare le ville durante tutta la giornata. Mercoledì primo maggio apertura della fiera. Piazza dell’Agricoltura, per l’occasione, si dividerà in tre settori. Il primo settore avrà stand con prodotti del nostro territorio, i secondo vedrà l’esposizione del bestiame di alcune aziende locali, il terzo riguarderà l’area dei macchinari agricoli, moderni e antichi. Con una cronistoria sull’evoluzione di alcuni mezzi e dimostrazione pratica su come si lavorava un tempo. Oltre a questi tre settori avremo un interessante mostra sulle biciclette antiche. Emanuela Caimi ha spiegato che la sua azienda agricola sarà presente con i prodotti e con l’esposizione di mezzi antichi. Così Lucrezia Bianchi che ha aggiunto la presenza del Comitato Agricolo del Magentino per il primo maggio. L’assessore alla Cultura Silvia Rondinini ha parlato della fiera dedicata ai bambini, che si terrà nel cortile dietro il palazzo comunale durante tutta la giornata del primo maggio. Nel pomeriggio alle 16 ci sarà lo spettacolo La Sirenetta che avrà anche significati importanti da trasmettere quali l’altruismo, la generosità e la bontà d’animo.

“Anche quest’anno le associazioni prenderanno parte alla fiera – ha detto il consigliere Giovanni Noè – tutte con un gazebo in via Matteotti, da piazza XXI Luglio al ponte degli scalini. Gli hobbisti in via San Giovanni, via Verdi e via Don Sironi. I punti di ristoro non si limiteranno al primo maggio. Il 30 aprile avremo, oltre alla musica in villa, la possibilità di cenare all’oratorio San Giovanni Bosco. Per il primo maggio i tre punti di ristoro saranno parco Archinto, pranzo all’oratorio, alla tensostruttura cav. Mantegazzini con gli amici da la Priàa e i cacciatori. Da ricordare l’ottava edizione della family colour, lunedì 24 giugno”.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner