Regione Lombardia, premio Rosa Camuna a Omar Pedrini e Mahmood

La consegna mercoledì 29

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Anche la musica è protagonista del ‘Premio Rosa Camuna’, la più alta onorificenza istituita dalla Regione Lombardia che verrà consegnata mercoledì 29 maggio in occasione della ‘Festa della Lombardia’.

Tra i premiati dell’edizione 2024, il bresciano Omar Pedrini, già storico leader dei Timoria (su iniziativa del Consiglio regionale) e il milanese Alessandro Mahmood, u
no dei nomi più importanti della scena musicale contemporanea e già vincitore del Festival di Sanremo (su indicazione del presidente della Regione Lombardia).

I prestigiosi riconoscimenti vengono assegnati a persone fisiche, imprese, enti, associazioni, fondazioni e realtà residenti, con sede o operanti in Lombardia, che grazie al loro impegno, operosità, creatività ed ingegno hanno contribuito allo sviluppo economico, sociale, culturale e sportivo della Lombardia.

Nelle motivazioni del conferimento del premio ‘Rosa Camuna’, per Omar Pedrini si legge: “Le sue produzioni artistiche e musicali lo hanno reso un protagonista indiscusso della scena rock italiana dagli anni ’90 ad oggi. La Lombardia, la terra a cui sente profondamente di appartenere, è un punto di forza e di riferimento in tutta la sua produzione artistica”.

In quelle per Mahmood si spiega che “i suoi album hanno registrato milioni di copie vendute e innumerevoli riconoscimenti artistici. Non fa mancare il suo sostegno a progetti a favore di chi è difficoltà”.

SCHEDA ARTISTI

OMAR PEDRINI, DA BRESCIA 35 ANNI DI CARRIERA PIENA DI SUCCESSI – Bresciano classe ’67 Omar, mastica pane e musica fin da piccolo. La musica è di casa a casa sua: il bisnonno materno era un liutaio, la nonna materna suonava la chitarra e la madre, vicina al movimento hippy, si portava dietro i figli quando andava ai concerti di artisti come Guccini, Vecchioni e De Gregori.
Durante gli anni del Liceo Classico Pedrini conosce Carlo Alberto Pellegrini, Diego Galeri ed Enrico Ghedi, con cui nel 1985 fonda la band rock alternative dei Timoria.
Dopo il diploma, Omar si iscrive all’Università di Milano alla facoltà di Scienze Politiche, che abbandona qualche anno dopo per dedicarsi alla musica a tempo pieno.
Con i Timoria, a cui nel frattempo si aggiunge anche Francesco Renga, raggiunge il successo e pubblica 13 album.
Nel 2003 prende una pausa a tempo indeterminato dalla band e si dedica unicamente alla carriera solista, intrapresa già a partire dal 1996.
L’amore per le arti figurative, la letteratura e le contaminazioni, lo porta a esplorare molte altre strade, a partire dalla direzione artistica dal 1997 del ‘Brescia Music Art’, festival della contaminazione tra le arti, alla direzione del festival ‘Valtrompia MUSIC Art’, all’esperienza di autore televisivo e di docente al Master in Comunicazione Musicale dell’Università Cattolica.
Nel 2009 firma la colonna sonora del film di Pupi Avati ‘Il figlio più piccolo’ in cui interpreta anche un cameo. Nel 2016 vince il Premio Lunezia per il valore letterario dei testi delle canzoni con l’album ‘Che ci vado a fare a Londra?’.
Nel 2014 collabora con Regione Lombardia e con il presidente Roberto Maroni al ‘Lombardia Unesco Tour’ per promuovere l’area archeologica del Capitolium, in vista di Expo. Pedrini è ambasciatore Expo del Patrimonio dell’umanità bresciano. Il progetto istituzionale organizzato da Regione Lombardia, nato con l’obiettivo di valorizzare i nove siti Unesco presenti nella regione e il ‘Saper fare liutario’ di Cremona.
Dal 2003 al 2021 subisce tre interventi cardiaci, per un aneurisma all’aorta.
Nonostante l’annuncio del ritiro dalle scene per i ricorrenti problemi di salute, prosegue con le sue attività e nel 2023 si esibisce come ospite alla finale della diciassettesima edizione di X Factor, con il brano ‘Sole spento’, pubblicato dai Timoria nel 2001.

ALESSANDRO MAHMOOD – Alessandro Mahmoud, in arte Mahmood, nasce Milano nel 1992, da madre sarda e padre egiziano. Dopo l’abbandono del padre, cresce a Milano nel quartiere periferico di Gratosoglio con la madre e inizia a studiare canto e chitarra a 12 anni. Muove i primi passi sotto i riflettori a X Factor 6, nel 2012, dove entra nel gruppo Under Uomini.
La passione per la musica lo porta a iscriversi a una scuola dove studia pianoforte, teoria e solfeggio. Si mantiene agli studi lavorando in un bar, rimanendo molto legato alla sua Sardegna e alle sue origini. Tre anni dopo X-Factor, vince nel 2015 ‘Area Sanremo’ con il brano ‘Dimentica’, che gli varrà anche un quarto posto nella categoria ‘Nuove proposte’ del Festival nel 2016.
Da quel momento pubblica i singoli ‘Pesos’ e ‘Uramaki’, presentato al ‘Wind Summer Festival’, e inizia a collaborare con grandi artisti della scena italiana. Scrive tre pezzi per Marco Mengoni, tra cui il brano ‘Hola (I say)’ in duetto con Tom Walker, canta con Fabri Fibra nel 2017 il brano ‘Luna’, pubblicato in ‘Fenomeno’. Scrive per Elodie e Michele Bravi, a fianco di Dario Faini, il pezzo ‘Nero Bali’ diventato Disco di Platino.
La sua carriera decolla, fino alla vittoria della 69ª edizione del Festival di Sanremo nel 2019 con il brano ‘Soldi’, Disco di Platino a meno di un mese dalla sua uscita. Nel febbraio del 2022 partecipa per la seconda volta al Festival di Sanremo, in duetto con Blanco, con il brano ‘Brividi’ e vince nuovamente, rappresentando di diritto l’Italia insieme a Blanco all’ ‘Eurovision Song Contest’ 2022.
Il 2024 è un grande anno per l’artista: torna a suonare sul palco dell’Ariston per la 74ª edizione del Festival di Sanremo con il brano ‘Tuta gold’, e tra aprile e maggio è impegnato per il terzo European Tour:16 date in 10 paesi europei, tra cui Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, e Italia.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner