Pietrangelo Buttafuoco alla Biennale: le elite rosicano, zio Nino (e noi..) invece no. Da Barbadillo.it

Così ci sono loro, i bravi & buoni per tutte le stagioni, la compagnia di giro accucciata sempre a favore di vento, per cui quella di Buttafuoco è una nomina indigesta

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Pietrangelo Buttafuoco ha di sicuro parecchi Santi in Paradiso, a cominciare da quella forza della natura di zio Nino. Ne ha addirittura un Pantheon intero di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, che lo hanno cresciuto e consigliato, certamente non aiutato nella affermazione professionale. Ovvio che la sua nomina al vertice della Biennale di Venezia – voluta da Giorgia Meloni in persona – abbia menato scandalo, con risentito, palpabile rodimento, in quella parodia di élite “culturale” autoreferenziale, da oltre cinquant’anni abituata a gestire e lucrare, sempre coadiuvata dalle fattucchiere nostre, i giornali di John Elkann, di Carlo De Benedetti e la tivù di Urbano Cairo.

Così ci sono loro, i bravi & buoni per tutte le stagioni, la compagnia di giro accucciata sempre a favore di vento, per cui quella di Buttafuoco è una nomina indigesta, non solo perché invisa, ma perché impossibile da dileggiare e contestare nel merito se non aggrappandosi, come pur meschinamente han fatto, al credo religioso. E poi però ci siamo noialtri, noi che lo conosciamo e c’abbiamo creduto, pur non valicando – come lui ha saputo fare – i confini del nostro splendido hortus conclusus, che ne ricaviamo una soddisfazione indicibile. E ringraziamo i Santi in Paradiso.

(da www.barbadillo.it)

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner