Omicidio a Varese, dimessa la 37enne accoltellata dall’ex

I fatti risalgono al 5 maggio

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

“Oggi mia figlia torna a casa. Ha vinto lei. Ha vinto la vita”. Lo ha detto Marta Criscuolo la madre di Lavinia Limido, 37 anni, accoltellata il 5 maggio scorso dall’ex marito Marco Manfrinati, 40 anni, che l’ha ridotta in fin di vita.

Manfrinati ha quindi ucciso con 20 coltellate l’ex suocero Fabio Limido, intervenuto per salvare la figlia. Oggi, ad un mese esatto dalla tragedia consumatasi in via Menotti a Varese, Criscuolo ha riferito che la figlia “sarà dimessa in giornata dall’ospedale”.

Criscuolo ha parlato davanti al tribunale di Varese dove questa mattina si celebra la prima udienza del processo per stalking nei confronti dell’ex moglie e dell’ex suocera a carico di Manfrinati.

“Torna a casa. Mia figlia è una tigre. Ha vinto lei. La verità è pesante da raccontare, ma la racconterò con grande serenità. E la verità paga sempre. Non so se Manfrinati sarà presente oggi e non mi interessa. Non mi interessa niente di tutto ciò che riguarda la controparte”, ha aggiunto Criscuolo prima di entrare in aula.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner