Milano: il Questore sospende per quindici giorni il ‘Mazazik Club’ di Segrate

Notificata la sospensione al presidente del circolo in quanto, a seguito di controlli effettuati dai militari dell'Arma dei Carabinieri tra ottobre 2023 fino a oggi, il locale è risultato frequentato da individui con precedenti penali e di polizia

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Il Questore di Milano Bruno Megale, nell’ambito dell’attività di prevenzione, controllo del territorio e monitoraggio dei locali pubblici milanesi svolta dalle forze dell’ordine per contrastare i fenomeni di criminalità, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S., ha decretato la sospensione per 15 giorni al circolo privato denominato ”Mazazik Club”, sito in via Galvani n.5 a Segrate (MI).

Mercoledì pomeriggio, i militari della Stazione Carabinieri di Segrate hanno notificato la sospensione al presidente del circolo in quanto, a seguito di controlli effettuati dai militari dell’Arma dei Carabinieri tra ottobre 2023 fino a oggi, il locale è risultato frequentato da avventori con precedenti penali e di polizia. A metà ottobre 2023, i Carabinieri della Stazione di Segrate sono intervenuti nelle adiacenze del locale, in quanto un uomo, frequentatore del locale, a bordo della sua auto, ha esploso in aria 15 colpi di arma da fuoco.

A fine dicembre 2023, durante un controllo nell’esercizio commerciale, i militari hanno fermato un avventore trovandolo in possesso di circa 430 euro e una chiave di un’auto. All’interno dell’autovettura parcheggiata poco distante, i carabinieri hanno trovato oggetti atti allo scasso, armi bianche e diverse munizioni calibro 12.

L’uomo, gravato da vari precedenti penali e di polizia, è stato arrestato in quanto destinatario di due ordini di custodia cautelare e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione, riciclaggio e porto abusivo di armi. Da accertamenti, la targa apposta sul veicolo apparteneva a un’autovettura rubata mentre dai controlli eseguiti sul telaio la stessa risultava denunciata per appropriazione indebita.

A inizio aprile 2024, i militari dell’Arma dei Carabinieri hanno notato in via Galvani due persone che alla loro vista sono scappati oltrepassando il muro di recinzione di un locale situato di fronte al circolo privato. Dopo aver bloccato uno dei due che era precipitato da un’altezza di circa 5 metri e presentava ferite e dolori in varie parti del corpo, è giunto sul posto personale sanitario per le cure. Dove è stato trovato l’uomo vi erano tracce di sangue in prossimità delle quali i carabinieri hanno rinvenuto una pistola carica avvolta da un foglio di plastica.

L’uomo, con a carico un ordine di carcerazione, è stato trovato in possesso di un telefono cellulare e di una patente di guida che lo stesso ha dichiarato di appartenere a una persona con la quale aveva litigato poco prima all’interno del circolo privato e di 0.46 grammi di cocaina. I militari hanno accertato che la pistola è stata provento di furto in abitazione pertanto l’uomo è stato arrestato per porto illegale di armi e denunciato per ricettazione.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner