― pubblicità ―

Dall'archivio:

Milano Centrale, violenza sessuale e insicurezza. La Prefettura: 40mila persone controllate

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

MILANO “A fronte del gravissimo episodio verificatosi nella prima mattina di ieri alla Stazione Centrale di Milano, che ha visto coinvolta una giovane donna senza fissa dimora, quale vittima di una aggressione a sfondo sessuale nella zona ascensori”, la prima reazione.

La Prefettura di Milano in una nota “esprime soddisfazione per l’operato delle Forze di Polizia che hanno prontamente identificato il responsabile e lo hanno assicurato alla giustizia a distanza di poche ora dal momento in cui è stato commesso il fatto”. “La professionalità dimostrata del personale della Polfer e la tempestività dell’azione di contrasto degli episodi criminosi conferma l’efficacia dell’intensa e costante attività interforze posta in essere secondo il coordinamento del Ministero dell’Interno a partire dallo scorso gennaio, che proseguirà anche nei prossimi mesi”, sottolinea la Prefettura, aggiungendo che “durante i servizi dedicati solo in Stazione Centrale e nelle aree attigue, dal 16 gennaio al 27 aprile, gli operatori in campo (Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale, Ispettorato del Lavoro) hanno infatti controllato n. 44.714 soggetti. Di questi n. 633 sono stati denunciati e n. 50 arrestati. A seguito dei controlli sulle persone sono stati emessi n. 301 provvedimenti di espulsione, dei quali n. 41 con accompagnamento presso il C.P.R., n. 253 Ordini di lasciare il Territorio Nazionale, n. 6 accompagnamenti alla frontiera e una misura alternativa al trattenimento. In totale il Questore ha emesso 133 misure di prevenzione personali: n. 99 divieti d’accesso alle aree urbane e n. 34 fogli di via obbligatori”. “Il grave fatto di violenza accaduto – spiega infine la Prefettura – rappresenta una spinta a proseguire nel percorso intrapreso con ancora più impegno per prevenire la commissione di reati, grazie al ripristino della legalità e una migliore vivibilità delle zone intorno alla Stazione Centrale di Milano. I servizi interforze saranno pertanto ancor più intensificati”

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi