― pubblicità ―

Dall'archivio:

Magenta, chiede il Green Pass in cambio arrivano sputi e insulti

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

MAGENTA –  “Sei davvero una stronza di m….”. Stamani un genio del popolo No Vax (purtroppo) non sono pochi, ha così apostrofato Nicoletta Cannizzo titolare con la sua famiglia dello storico bar tabacchi di via Novara – di recente spostatosi di qualche civico, ma sempre lungo lo stesso lato della strada – che così come prevede la normativa ha chiesto di esibire il Green Pass per poter consumare al banco.
Il giovane in questione sulla trentina (nelle immagini è quello vestito di nero), peraltro, era totalmente sprovvisto di mascherina.  Ma c’è di più: per chiudere in bellezza la sua bravata, ha persino sputato contro la commerciante e contro la vetrina del negozio. Il bel quadretto è stato immortalato dalle telecamere di videosorveglianza interna e il materiale è già al vaglio dei Carabinieri.

 

 
Gli uomini dell’Arma, peraltro, hanno convocato prontamente in Caserma per questo pomeriggio il “bullo No Vax” che ora dovrà spiegare le ragioni del suo comportamento (così come il fatto che girasse senza alcun dispositivo di Protezione individuale all’interno di un’attività commerciale ndr). Il giovane, peraltro, era accompagnato anche da un’altra persona (questa con la mascherina ndr).
Quest’ultima, ha poi cercato di calmare e dissuadere il suo amico.  Di sicuro una brutta scena che per evidenti ragioni di privacy non possiamo mostrarvi nella sua intierezza. Ma le immagini al naturale sono chiare, così come lo sputo ben visibile all’interno del cerchio giallo nella foto.

Certamente, al di là dello spiacevole fatto di cronaca, resta la questione aperta di chi pur non essendo un pubblico ufficiale in questi giorni si trova a dover far rispettare la normativa. I rischi che episodi come questi si ripetano non è affatto remoto. E questo per chi ha un’attività commerciale, per esempio, non è certo un fatto rassicurante.

F.V.

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi