― pubblicità ―

Dall'archivio:

Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle (Voltaire 1694-1711). Di Laura Giulia D’Orso

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

Leggo e riporto una particolare quanto coraggiosa lettera di dimissioni del Prof. Ciani Camperio, docente ordinario dell’Università di Padova.
“Illustrissimo Collega Rettore, io sottoscritto prof. Andrea Camperio Ciani, professore ordinario di codesta libera Università degli Studi di Padova, avendo appreso dal Decreto Legge rettorale dell’obbligatorietà della tessera Grenn Pass per svolgere lezioni, dichiaro formalmente a Lei e, per conoscenza al Ministro dell’Università Maria Cristina Messa ed al Ministro della Sanità Roberto Speranza che avrò l’onore e la dignità di dismettere davanti a Lei il mio Green Pass, chiedendo di accettare le mie dimissioni dall’insegnamento dei miei corsi in Evolutionary Psycology, “Genes mind and Social behaviour, e la radiazione della mia cattedra di insegnamento quale professione ordinario e sospensione dello stipendio..

 

Va precisato per correttezza che il Professore è vaccinato con doppia dose e possiede il Green Pass eppure non accetta l’idea che un qualsivoglia docente o solamente anche uno studente che abbia scelto di non vaccinarsi non possa insegnare o seguire le lezioni. Egli poi ha aggiunto: ”Sottolineo che in un’Università libera quale credevo fosse, l’appartenenza ad una tessera di un partito o a qualsiasi restrizione dato lo spirito libertario e democratico non dovevano appartenere, o almeno così credevo. Antenati patrioti, eroi e pensatori mi avevano illuso che l’Università avesse appreso principi di libertà e democrazia, ma vedo che così non è per me e me ne assumo le responsabilità. Mi rifaccio al patto sociale di Hobbes – aggiunge – che, più di trecento anni fa sanciva quanta libertà il cittadino dovesse allo Stato e quanta tenersela. Dichiaro, a nome di chi non vuole vaccinarsi con i quali io NON condivido il loro pensiero  ma tollero, insieme alle persone spaventate, ai timorosi o ai mali informati, che discriminarli sia opera liberticida ed oscurantista. Sono quindi fiero di rimettere il mio mandato ed attendo il suo decreto di licenziamento.”

Diceva Voltaire: ”Non sono d’accordo con quello che dici ma darei la vita affinché tu lo possa dire!”…

 

Laura Giulia D’Orso

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi