La Uil: Lombardia, triste primato per i morti sul lavoro

Più di 8mila infortuni

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

E’ della Lombardia il primato nazionale per incidenti sul lavoro, con 8.190 infortuni denunciati in gennaio. Di questi 12 sono mortali e 255 sono tecnopatie. Rispetto al 2023 – spiega la Uil in una nota – si è in presenza di un aumento dell’8.65%. A livello nazionale invece le denunce sono state 42.166, con 45 morti sul lavoro e 6.218 malattie professionali.

“Siamo di fronte ad una situazione inaccettabile – commenta la segretaria confederale regionale Eloisa Dacquino – resa ancor più drammatica dalla presa d’atto che la vita delle persone per il governo vale 20 crediti”. “Di fronte alla perdita di vite umane e all’aumento del numero delle denunce – sottolinea la sindacalista – assistiamo al silenzio delle parti datoriali e ad un approccio burocratico e poco efficace in tema di prevenzione da parte della Regione Lombardia”. “Come Uil – afferma – riteniamo che debba essere messa in campo innanzitutto un’azione di coordinamento e controllo sulla formazione che viene erogata, troppo spesso inadeguata, mancante o addirittura certificata con attestati di frequenza falsi”.

“Va valorizzato ulteriormente il sistema dei protocolli sottoscritto con provincie e comuni – prosegue – che hanno dimostrato che, dove applicati, si sono ridotti gli infortuni”. “Abbiamo chiesto di investire risorse finanziando progetti di formazione e che le aziende che violano la normativa vengano escluse dai bandi – ricorda Dacquino – ma ad oggi non c’è stata nessuna risposta, così come nessun riscontro alla richiesta di incontro unitaria del sindacato confederale all’assessore al Welfare Guido Bertolaso”. “Quanti morti dovremo ancora contare – si chiede – prima che la Regione Lombardia metta in campo azioni efficaci di prevenzione in tema di sicurezza sul lavoro”.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner