La Termomeccanica di Novara acquisisce la Marelli di Crevalcore

Al momento sono 152 su 223 attualmente in forza, i lavoratori che saranno assorbiti da Tecnomeccanica

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Dopo che è stata ufficializzata la notizia che sarà la Tecnomeccanica di Novara, l’azienda che rileverà lo stabilimento Marelli di Crevalcore, durante la riunione che si è tenuta in remoto con il Mimit, a fare il punto della situazione è il sindacato Fim Cisl.”Al momento sono 152 su 223 attualmente in forza, i lavoratori che saranno assorbiti da Tecnomeccanica. – dichiarano il coordinatore nazionale Fim Cisl Stefano Boschini e il segretario Area Metropolitana Bologna Fim Cisl Massimo Mazzeo in una nota.

“Ora si avvia una nuova fase che vedrà le organizzazioni sindacali iniziare una trattativa con Marelli per la condivisione di un piano sociale che dovrà dare una risposta adeguata e soddisfacente a tutte le lavoratrici e lavoratori del sito.Parallelamente sarà avviato il confronto tra il nuovo investitore e le organizzazioni sindacali per definire nei dettagli il piano industriale”. Nello stesso tempo Marelli e Tecnomeccanica definiranno il passaggio degli asset mentre Invitalia farà partire una due diligence che servirà a garantire la sostenibilità dell’operazione industriale.”Come Fim siamo soddisfatti della scelta di Tecnomeccanica.L’operazione con l’azienda piemontese infatti garantirà la continuità produttiva e la diversificazione delle produzioni di componentistica per l’automotive con l’aggiunta, dell’implementazione delle lavorazioni meccaniche. – sottolineano i sindacalisti – Un’operazione industriale quindi, che sulla carta appare ambiziosa e convincente, la seguiremo passo-passo perché siano rispettati tutti gli impegni”. “Ora resta da completare il percorso iniziato faticosamente già all’indomani di quel 19 settembre scorso, quando fu annunciata la chiusura dello stabilimento di Crevalcore da parte di Marelli.Per la Fim, questo potrà definirsi completato solo con il raggiungimento dell’obiettivo di dare a tutte le lavoratrici e lavoratori una risposta pienamente soddisfacente rispetto al piano sociale” concludono i sindacalisti.

Nella riunione tenutasi in remoto oggi pomeriggio al Mimit “e’ stata finalmente ufficializzata la notizia che tutti attendevano, sara’ la Tecnomeccanica di Novara l’azienda che rilevera’ lo stabilimento Marelli di Crevalcore.Al momento sono 152 su 223 attualmente in forza, i lavoratori che saranno assorbiti da Tecnomeccanica.Ora si avvia una nuova fase che vedra’ le organizzazioni sindacali iniziare una trattativa con Marelli per la condivisione di un piano sociale che dovra’ dare una risposta adeguata e soddisfacente a tutte le lavoratrici e lavoratori del sito”. Lo dichiarano il coordinatore nazionale Fim Cisl Stefano Boschini e il segretario Area metropolitana Bologna Fim Cisl Massimo Mazzeo.”Parallelamente – proseguono – sara’ avviato il confronto tra il nuovo investitore e le organizzazioni sindacali per definire nei dettagli il piano industriale.Nello stesso tempo Marelli e Tecnomeccanica definiranno il passaggio degli asset mentre Invitalia fara’ partire una due diligence che servira’ a garantire la sostenibilita’ dell’operazione industriale

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner