“Insieme per Vanzaghello” attacca sull’inaugurazione ‘solo elettorale’ del nuovo centro sanitario

Per ora resta solo un edificio vuoto ...

Europee, Lega Magenta: “Ancora una volta, ringraziamo i Magentini per l’importante sostegno”

"Desideriamo ringraziare anche questa volta i cittadini di Magenta per averci aiutato a confermare l'amica Isabella Tovaglieri all' Europarlamento", esordisce soddisfatto il Segretario locale...

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – “Centro via Albarina: inaugurazione elettorale ma per ora solo un edificio vuoto”
Così commenta il capogruppo uscente di “Insieme per Vanzaghello” Dr. Gualdoni: “ omenica abbiamo assistito all’inaugurazione del centro della salute di via Albarina ed al via della campagna elettorale: niente da dire sulle modalità di recupero dello stabile anche se, a tutt’oggi, purtroppo, non sappiamo quale sarà la destinazione d’uso dell’immobile visto che, anche in consiglio comunale, non è stato possibile ottenere certezze. Quello che sappiamo invece è che il rispetto non è una virtù di questa amministrazione, e
nemmeno la memoria.

Nel discorso di inaugurazione il Sindaco uscente ha avuto modo di criticare lo stato di incuria dello stabile negli anni antecedenti il 2019.Ricordiamo che lo stabile è stato donato dalla signora Rivolta e dalla figlia all’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Leopoldo Giani. Peccato che si è dimenticato di dire che, quando è stato donato al comune, lo stabile era occupato, ed è stato occupato per anni, da inquilini.

Peccato che si è dimenticato di dire che lo stabile è stato vittima di un incendio e che, a seguito di questo, sono stati necessari lavori di manutenzione straordinaria che sono stati effettuati dalla precedente amministrazione.

Peccato che si è dimenticato di dire che la precedente amministrazione aveva già un progetto approvato dal Consiglio Comunale per il recupero dell’immobile che rispettava le indicazioni e le volontà “imposte” dalle donatrici nell’atto della donazione. Tale progetto era a costo zero per i cittadini di Vanzaghello e prevedeva spazi per gli anziani e per le persone fragili.

Omettere queste notizie in campagna elettorale fa parte del gioco? Può darsi. Noi continueremo però la nostra campagna elettorale con lo spirito che ci ha sempre contraddistinto, quello del dibattito, anche acceso, ma nel rispetto dell’avversario politico.

Due parole anche del nostro candidato Sindaco Rino Giani:
“Insieme a tanti amici ho partecipato volentieri all’inaugurazione dell’immobile intitolato “Centro
Salute Ambrosetti e Calloni”, perché volevamo vederlo bene e capire qualcosa di più rispetto alle scarne informazioni ricevute. Nonostante il sobrio approccio iniziale del Sindaco uscente, per quanto appunto discutibile, ho assistito poi ad una manifestazione in pompa magna con tanto di Banda Musicale e di una
inutilmente eccessiva esibizione di varie Autorità cioè Sindaci, professionisti e politici amici dell’attuale Amministrazione, che non hanno potuto far altro che spendersi in elogi generici autoreferenziali sul lavoro da loro stessi fatto.

Tra le poche parole lineari e centrate sull’argomento, apprezzabili quelle pronunciate dal nostro Parroco Don Armando, che ha benedetto la struttura ed ha invitato a renderla il più possibile amica, ospitale ed accogliente. Gli interventi dei famigliari del Dr. Ambrosetti e del Dr. Calloni, la memoria dei quali ci rende tutti solidali. seguiti dai ringraziamenti, estesi inoltre anche ai medici che svolgono da tanti anni con
grande impegno e passione la loro attività in paese, come il nostro DR. Gualdoni sono condivisibili e dovuti.

Senza in alcun modo fare critiche preconcette ad un’opera che sicuramente potrebbe essere molto utile per il nostro Paese se solo fosse stata spiegata con chiarezza e non solo come ipotesi da presentare all’inizio della campagna elettorale.

Nonostante una discreta partecipazione, l’esito è un successo solo apparente e per molti non
convincente. Alla fine, quale sarà l’esatta finalità della struttura e chi la gestirà? Un soggetto privato? (quindi a pagamento?) Ribadisco pertanto: Come è possibile progettare e realizzare in modo generico la
ristrutturazione di un immobile (con ingenti risorse pubbliche) senza aver prima individuato un
vero obiettivo e i soggetti che dovranno gestire i servizi? E senza una seria, approfondita e preventiva ricerca in condivisione con la popolazione? A giochi fatti, inquadrata com’è, purtroppo non mi sembra la struttura ideale per un Centro Diurno per anziani oppure per un Centro Socio-Educativo per persone con disabilità, solo per citare due esempi, che avrebbero però richiesto uno studio più preciso ed innovativo. Forse è riservabile ad ambulatori di vario genere, sicuramente utili, ma il problema non sono gli spazi per gli ambulatori, ma il personale medico ed infermieristico del Servizio Sanitario Nazionale di cui sì soffre la carenza, come ben sa la popolazione di Vanzaghello e non solo.

Siamo sicuri che questi ipotetici laboratori rappresentino oggi la priorità per Vanzaghello? Siamo sicuri che non si potesse puntare ad un traguardo migliore? Altrimenti l’inaugurazione è stata solo di uno stabile vuoto, rispetto ad un tema importante che preoccupa molti cittadini come quello della Salute”.

INSIEME PER VANZAGHELLO

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner