Indi Gregory condannata a morte. Da oggi c’è un altro piccolo angelo in cielo – Di Laura Giulia D’Orso

"Mia figlia è morta, la mia vita è finita all'1.45. Dopo la morte di Indi, io e mia moglie Clare siamo arrabbiati, affranti e pieni di vergogna". Così Dean Gregory, il papà della piccola. Noi che siamo sempre dalla parte della Vita inorridiamo per questo epilogo triste.

Magenta. PD sempre più stracotto. Lo stile e l’eleganza non si comprano un tot al chilo…

Possiamo capire che oggi non esista più un galateo politico. Ma francamente mai ci saremmo aspettati di vedere un attacco - per carità legittimo...

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Indi è morta. Ora che è solamente un corpicino inerme e inanimato, ora che ai genitori è stata definitivamente negata non già la possibilità della speranza – che non esisteva – ma persino la semplice praticabilità di un percorso di umanità, diteci illustrissimi, inflessibili e razionalissimi giudici inglesi … il muro di durezza che avete consegnato al mondo, costruito attorno a questa bimba, attorno a due genitori che nella disperazione e nel dolore chiedevano solo di poter accedere all’assistenza sanitaria italiana, chiedevano solo di poter essere accolti, ascoltati, capiti, magari anche solo abbracciati, ecco questo muro che senso ha avuto, che senso ha?

Ciò vi rende forse oggi più felici, realizzati? O credete di aver reso il mondo un luogo migliore?
E se la bimba fosse stata di “sangue blu”? Nobile di nascita? Avreste agito ugualmente con quella vostra “razionalità” o piuttosto follia? .

Riposa in pace, piccola Indi.

Laura Giulia D’Orso

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner