Faccia da perdenti o vincenti elettorali

"Non chiedere mai se il tuo partito ha vinto non chiedere mai se il tuo avversario ha perso ma chiediti se le tue idee hanno scaldato i cuori"

Faccia da Brenda e la fine della mia adolescenza

Aveva fatto Jenny nella penultima e ultima stagione nella casa della prateria. Ma per tutti noi ormai cinquantenni sarà sempre la Brenda del telefilm...

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – “Le votazioni sono finite, almeno nel terreno dei primi turni! Certo qualche comune sopra i 15 mila votanti dovrà tornare alle urne.
La gran parte però ha già un sindaco nuovo, vecchio o in saldo… La giunta sarà cosa a breve !
Le preferenze o competenze saranno più decisive per la scelta.

Consigliere con delega o capogruppo meglio però il gettone corposo dell’assessore con relativi oneri
La nostra società sarà piena di difetti ma dà ancora la possibilità libera di esprimere un voto segreto La raccolta dei voti o vuoti in base alle preferenze non è semplice.

Ma questo argomento l’ho già trattato. Oggi vorrei affrontare le facce del post voto
Sconfitti e vincenti non sempre sono tutti da una parte sola.

Molto spesso tra i vincenti ci sono facce da funerale, i candidati fuori dal consiglio comunale !
Oppure i candidati eletti ma che volevano prendere più voti o il loro risultato non basta per diventare assessore e vice Sindaco.

Anche tra gli sconfitti qualcuno festeggia; non pensavo di prendere tutti questi voti o chi vede perdere il primo rivale tra un incontro per strada
Festeggia chi ha fatto tutto per fare perdere il collega di partito o amico.

Perché molto spesso in politica pure locale il miglior amico sta nell’altro partito mentre il peggior nemico è tuo collega di casacca politica…

Molti sono contenti perché purtroppo perdenti non hanno venduto l’anima al diavolo o fatto troppe promesse. Altri perché hanno creato un gruppo non vincente ma festeggiante.

Ognuno fa le proprie formule perché in politica la matematica è una opinione maggiore o peggiore considerazione in base alla voce che la esprime. Promesse fatte al vento o chiuse in casa sperando nel miracolo.
Tutto il giorno su Facebook o in giro come un piccione viaggiatore. Sconfitti e vittoriosi si ritrovano in una faccia da espressioni.
Le più vaste e incomprensibili; chi ha vinto non ha vinto o pareggiato
Io ho perso ma sono felice perché in cuore mio ho vinto.
L’avversario ha fatto troppi fallo !!! Ma l’arbitro !!!??? La vittoria ha mille padri , madri e affini. La sconfitta nessuno parente, anzi si serve di un deficiente a cui dare la colpa secondo il miglior gioco dello scarica barile… Vincere non è un senso di posizione ma di convinzione.. Il popolo è impossibile non lo sopporto. Vedendo i dati dei votanti forse sono i cittadini stanchi del tempo che per i politici e vicini non passa mai. C’era una volta ma in politica c’è sempre la stessa gente.
Entri da generale esci da cardinale ma senza non farti del male… La politica sporca anche chi non la fa molto spesso esce dal proprio recinto. Purtroppo, non sanno neanche più chiedere aiuto questi politici !! Sono capace da solo. Vincere o perdere ? Una minoranza ormai.

Non chiedere mai se il tuo partito ha vinto non chiedere mai se il tuo avversario ha perso ma chiediti se le tue idee hanno scaldato i cuori della gente. Il grande Silvio parlava se vinceva e stava zitto se perdeva ma scaldava i cuori e Spirito ..”.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner