Faccia da Euro Festival o Eurovision song contest

C'era una volta l' Euro festival una parata di San Remo di tutta Europa...

Faccia da TV dei ragazzi perduta

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - "La morte della paroliere, autrice e dirigente TV Alessandra Valeri Manera non segna la fine di una vita ma la...

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – “Noi ci sentivamo superiori e come i maestri inglesi nel calcio noi nella musica snobbavano quello che non era bel canto …

Ad onore del vero di bel canto ieri sera ne ho sentito poco ma le proteste pro o contro hanno dato la patente del grande evento .. Ormai, è un appuntamento imperdibile per ogni cantante del continente e non solo.

Noi abbiamo vinto per ben tre volte mentre la Svizzera trionfante ha dovuto aspettare dal 1988 dove vinse una certa Celine Dion …canadese in prestito per l’arte poliedrica.

Ma andiamo in ordine con la serata di ieri sera su Rai Uno; la Maionchi non va bene per tutte le stagioni e per certe situazioni.

Forse, sarà simpatica a dire parolacce ma la sua prova di ieri è da sacramentare la musica. Il suo compagno di sventura totalmente impreparato e senza alti e bassi resta in un imbarazzante livello
Ucraina con il suo gruppo sembrano versione pugliese delle feste.

Ottima e di livello la scenografia ed organizzazione ma resta una figura da festa di fine anno scolastico. Quello che spicca che ormai siamo un continente usa e getta e reality o format. Le nazioni si stanno appiattendo a contenuto pre confezionati. Il micro onde dello spettacolo purtroppo è acceso e continuo a subire.

Non distingue più la voce di un tedesco da un Lussemburghese … Dove non capisco dove inizia la canzone e finisca il tik tok e lo spot di una generazione. La gioventù che vive sugli aerei e lo prendono come io prendevo il bus per andare a Novara. Ottimo ma non si perderanno le radici diventando Visconti della
musica ?

Fortunatamente non tutti cantano in inglese e vai lo le quote di minoranza; francese, armeno, spagnolo e italiano. Un imponente contenuto di immagini e luci da gran feste purtroppo molto costo per nulla ? No avranno un tornaconto in questa manifestazione di artisti che cantano per uno stato ma abitano in un altro; gelosia no paraculismo ?

Lituania con un gruppo di “tik toker” dove non capisco nulla tranne che i tempi purtroppo cambiano.
Zorra ma io capisco Zorro; sperando in un colpo di spada !!!! Una versione spero non in omaggio alla Carrà, né a Enzo Paolo Turci …hanno prodotto di meglio.

Sexy Ciccio Boys al seguito in guepière con tutti il culo di fuori ….Estonia con titolo lunghissimo e inno agli anni ’90 ma ormai le boy band …. Ricordano il ballo della steppa dance!

Arriva Irlanda o notte di mezza estate? Incubo direi: manca Puck !!sostituito con sorella di Alice Cooper con candele per risparmio energetico. Lettonia con tutina della Barbie…
Finalmente la Grecia con una femmina canterina e carina. La Norvegia mi sveglia mentre Mango canta l’ inno del Eurofestival; la noia! Il suo corpo di ballo sembra: riso amaro manca purtroppo Gassman e la Mangano. Comunque sembrano delle mondine in monda.

Rivedo nella Serbia gli Addams e la padrona della vecchia casa. La Finlandia ha un duo; uno in perizoma e l’altro con la pelliccia poi si mette i pantaloncini. Saldatori sexy ma non di musica. A raffica escono le cugine europee di Elodie.

La svizzera mi spaventa con il gonnellino cheerleader. Poi arriva la Francia ma io ho già pieno la panza di Lasagna. Purtroppo, di queste canzoni non ne ricorderemo nessuna.

Ormai, è una dittatura del brutto e indifferente liquido che passa per le onnipotenti radio.
In Svezia a 50 anni dalla vittoria del più famoso gruppo scandivano e uno tra i più famosi del mondo.
Non riescono a portare gli Abba ma fanno un filtro video e conclusione con un trio di campane.
Il gruppo svedese ha tre record; uno dei gruppi con più dischi venduti, il gruppo non attivo ancora in auge e con un numero enorme di musical.

Per concludere unico gruppo esploso con Eurofestival o come si chiama oggi ? Sicuramente una Waterloo della musica con tanti Napoleoni che godono di euro fumanti”.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner