Due chiacchere con Schopenauer e il cancro: venerdì 10 a Robecco sul Naviglio

Nel paese dove vive, Sonia presenterà dunque questo racconto nel quale si mette a chiacchierare con un filosofo tedesco morto da più di un secolo e mezzo e con il cancro: sembra una provocazione, ma lo è solo in parte

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

E’ arrivato il momento della presentazione del suo libro nella ‘sua’ Robecco: venerdì 10 novembre Sonia Servino porterà il suo bellissimo e intenso ‘Due chiacchiere con Schopenauer (e col cancro) nella sala consiliare di via Dante. Appuntamento alle 20.30, assieme al sindaco Fortunata Barni e al componente del direttivo Aicit Alberto Galli. L’autrice ha infatti deciso di destinare il 30% del ricavato delle vendite proprio alla meritoria associazione intitolata a Roberto Corneo.

Nel paese dove vive, Sonia presenterà dunque questo racconto nel quale si mette a chiacchierare con un filosofo tedesco morto da più di un secolo e mezzo e con il cancro: sembra una provocazione, ma lo è solo in parte. In realtà, le due chiacchiere con Schopenhauer sono il dialogo interiore stimolato dallo studio della filosofia, una strada che Sonia ha sperimentato sulla propria pelle essere autenticamente terapeutica; e quelle col cancro sono il dialogo con la malattia, vissuta in prima persona, e con gli altri accidenti della vita, che vanno affrontati senza sconti. La sofferenza va accettata, accolta, abbracciata: e poi curata. Realisticamente, anche spietatamente, se necessario. Per riuscirci, l’unica via è squarciare il velo dell’apparenza per guardare in faccia la realtà.

Se oggi Sonia ha una vita bella e piena è perché ha sulle spalle la fatica di un percorso lungo il quale ha conosciuto la durezza della vita e il morso del reale; e soprattutto perché ha compreso che la cura verso di sé e verso gli altri muove le montagne, proprio come la fede.

Per questo ha maturato una duplice vocazione: ripensare e valorizzare il concetto di cura e trasmettere fiducia nella capacità di ciascuno di prendersi cura di sé e degli altri. Perché è il solo modo di vivere una vita buona. Perché senza cura non c’è vita.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner