― pubblicità ―

Dall'archivio:

Cecchetti e Frassini (Lega): Comuni lombardi TROPPO penalizzati dal PNRR

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

 
MILANO  “Occorre massima attenzione verso i progetti di rigenerazione urbana. Per questo attraverso un’interrogazione ai ministri di competenza, abbiamo sottolineato la necessita’ di rivedere e superare l’attuale criterio dell’indice di vulnerabilita’ sociale e materiale (Ivsm)”.

Lo dichiarano i deputati della Lega Onorevole Rebecca Frassini, membro della commissione speciale della Camera incaricata di esaminare i provvedimenti in attesa della formazione delle commissioni permanenti, e Onorevole Fabrizio Cecchetti, segretario d’aula alla Camera e coordinatore Lega Lombarda. Un criterio palesemente anacronistico e inadeguato che di fatto “ha escluso molti Comuni lombardi con meno di 15mila abitanti da un’equa ripartizione delle risorse disponibili su tutto il territorio nazionale. Nonostante il lavoro certosino da parte di tanti sindaci, impegnati per mesi a redigere i progetti di fattibilita’ sia per la riduzione dei fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, sia per il miglioramento della qualita’ del decoro urbano e dell’ambiente, con tanto di relativi allegati e quadri economici, molte amministrazioni locali lombarde sono rimaste a bocca asciutta. Una vera e propria beffa. Per questo la Lega intende continuare a lavorare per porre rimedio, per premiare la validita’ delle proposte ed evitare sprechi di risorse e di tempo – hanno poi concluso – attraverso la previsione di parametri nuovi e idonei a garantire un’equilibrata distribuzione territoriale dell’intero Paese. Siamo certi che il Governo fara’ la propria parte con responsabilita’”.

 

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi