― pubblicità ―

Dall'archivio:

Bareggio, il sindaco Colombo s’incazza: ‘State a casa!’

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

 

BAREGGIO – “Attenetevi all’ordinanza di Regione Lombardia. Come ha giustamente detto il Governatore Attilio Fontana, in Lombardia non cambia nulla: per fortuna le passeggiate con i bambini restano vietate”. Linda Colombo, sindaco di Bareggio, fa chiarezza dopo la circolare del Viminale che concede le uscite vicino casa con i bambini. “Siamo di fronte a un documento inopportuno e pericoloso. Un grave errore, una follia, proprio ora che stiamo iniziando a vedere qualche piccolo segnale positivo. La situazione è tuttora seria, rischiamo di vanificare tutti gli enormi sforzi che sono stati fatti finora e di dovere restare a casa ancora per chissà quanto tempo. E’ questo che qualcuno vuole?”.

Colombo ha invitato i propri concittadini a ignorare la circolare e a continuare la “quarantena” come prima, nel rispetto dell’ordinanza di Fontana, che non consente di uscire con i propri figli: “Non usciamo di casa finché l’emergenza non sarà finita – ha proseguito – Nel video di questa mattina mi rendo conto di avere utilizzato toni ed espressioni molto forti per una carica istituzionale. Ma per tutta la mattinata non ho fatto altro che ricevere segnalazioni di genitori con bambini a spasso per il paese. Voglio dire: ma con che coraggio mettete a rischio la salute dei vostri figli? Mi permetto di ricordare, se qualcuno non se ne fosse accorto, che stanno morendo persone. Non dall’altra parte del mondo: nel nostro paese, nella nostra via, nel nostro palazzo. E mi permetto anche di ricordare che a Bareggio e in tutti i Comuni della ex statale 11 i casi sono in aumento. Questo perché, dal primo giorno dell’emergenza, qualcuno cerca ogni volta un cavillo per uscire: prima era la corsetta, poi il cane, poi la spesa tutti i giorni, ora i bambini… Da sindaco sono fortemente preoccupata per la mia comunità, da qui i toni accesi. Prima capiamo che dobbiamo stare a casa, prima usciremo da questo incubo. Spiace poi che la minoranza, ancora una volta, vada a cercare la parola fuori posto e si concentri sui toni invece che sui contenuti. Se davvero hanno a cuore il bene dei cittadini, siano promotori di comportamenti a tutela della salute, non si slogan partitici. Ripeto, c’è in ballo la vita nostra e dei nostri cari”.

L’eco del video è stata rilevantissima, tanto che è stato ripreso persino dalla popolare trasmissione di Mediate Le Iene: ecco il link del servizio sul sito del programma.

https://www.iene.mediaset.it/2020/news/coronavirus-sindaca-bareggio-secchiata-d-acqua_744757.shtml

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi