Aveva scalato il Duomo: giovane indagato a Milano

Dalla Polizia Locale

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Gli agenti del Goac – Gruppo Operativo Anti Contraffazione della Polizia Locale di Milano – hanno identificato e denunciato il giovane che nella notte del 21 maggio scorso aveva scalato il Duomo. Il giovane aveva dapprima usato l’impalcatura esterna per salire sulle terrazze, e da lì, arrampicandosi sulle guglie della Cattedrale, era arrivato alla struttura che sorregge la Madonnina, a oltre 100 metri da terra, per poi scattare un selfie senza maglietta e con il dito medio alzato, pubblicato dopo pochissimi minuti sui social.

Le forze dell’ordine, intervenute a seguito dell’allarme scattato dalla rete di telecamere di sorveglianza, una volta raggiunto il tetto del Duomo, avevano solo potuto constatare che al loro arrivo il ragazzo aveva fatto perdere le sue tracce.Gli agenti del Gruppo Operativo Anti Contraffazione della Polizia Locale, partendo proprio dalla foto postata sul web, hanno avviato le indagini che, attraverso la tecnica del ‘Social Media Mining’, un processo di analisi dei dati derivanti proprio dai Social Network, hanno portato all’identificazione di un minore che non era nuovo ad atti di questo genere. Già il 17 marzo infatti, il ragazzo si era arrampicato lungo i masti del Castello Sforzesco ed era riuscito a raggiungere la Torre del Filarete, per scattare una sequenza di fotografie inneggianti il gesto, a quaranta metri da terra e anche in questo caso penzolando nel vuoto.Il giovane climber, che non ha voluto dare alcuna spiegazione al suo gesto, dovrà rispondere dei reati di invasione di edifici e danneggiamento.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner