Tensioni a Cargo City: la posizione di Malpensa Logistica

La società denuncerà comportamenti che ritiene illegali

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO In seguito agli avvenimenti che stanno interessando la cargo city di Malpensa, Malpensa Logistica Europa desidera fornire un aggiornamento sulla situazione attuale, che, contrariamente a quanto riportato, non vede ancora un ritorno alla normalità. Pur avendo raggiunto un primo accordo importante, mediato dal Prefetto della provincia di Varese, che doveva portare alla cessazione della illegale astensione dal lavoro, la situazione dal punto di vista operativo rimane fortemente critica in quanto si registra un numero di assenze tra i dipendenti superiore alle 50 unità. Sulla base delle informazioni e delle circostanze che è stato possibile verificare, queste assenze, ufficialmente giustificate come malattie brevi, appaiono con tutta evidenza essere pretesti non legittimi, e di fatto un’estensione illecita delle azioni di protesta.

Questo comportamento non solo contravviene agli accordi stipulati martedì scorso, 13 febbraio, ma da un lato mina la fiducia e il rispetto reciproco che rappresentano elementi fondamentali di corrette relazioni sindacali per lo svolgimento dell’attività lavorativa e per la prosecuzione del processo di dialogo in essere, dall’altro rappresentano una grave problematica per la movimentazione delle merci, all’interno della quale rientrano beni di assoluta importanza e urgenza come forniture mediche e farmaceutici, organi per trapianti, animali vivi, servizio postale, oltre a prodotti alimentari con scadenze ravvicinate e nel perimetro dei servizi pubblici essenziali. Malpensa Logistica Europa ha invitato tutti i dipendenti al rientro al lavoro nel rispetto sia delle regole sia dei colleghi che fino a oggi, con apprezzata correttezza, non si sono assentati.

La società ricorrerà contro il comportamento illecito delle organizzazioni sindacali autonome coinvolte e metterà in atto le iniziative opportune a interrompere tale azione. La società è a conoscenza delle richieste avanzate dai propri lavoratori e conferma il proprio impegno a discutere tali tematiche nel tavolo convocato per domani, venerdì 16 febbraio, presso la sede Enac di Malpensa, con l’obiettivo di trovare soluzioni eque e sostenibili per tutte le parti coinvolte nell’interesse comune del presente e del futuro dell’azienda. Consapevole del ruolo strategico nella movimentazione delle merci, Malpensa Logistica Europa si è già attivata per inserire nuovo personale al fine di garantire comunque la continuità operativa. La società confida nella cooperazione di tutte le parti in causa per ripristinare un clima di serenità fiducia reciproca e produttività nell’ambiente di lavoro.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner